Ti trovi qui: Home » Notizie

L’Unita di Endocrinologia di Unimore premiata al 40° congresso nazionale della Società Italiana di Endocrinologia

L’Unita di Endocrinologia del Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia è stata premiata durante il 40° congresso nazionale della Società Italiana di Endocrinologia, tenutosi a Roma nei giorni scorsi. 

Nel corso dell’evento sono stati presentati oltre 240 lavori scientifici originali, che spaziavano sul complesso ambito dell’endocrinologia. I lavori scientifici, suddivisi sulla base dell’argomento trattato, sono stati presentati durante il congresso in apposite sessioni in cui il progetto, la solidità dei risultati e l’esposizione sono stati valutati da una competente commissione scientifica.

Tra i venti lavori selezionati per i premi come “miglior poster” c’è anche lo studio dei ricercatori modenesi, che hanno presentato un lavoro intitolato “ Efficacia della somministrazione di androgeni sulla composizione corporea negli uomini con infezione da HIV: risultati di una meta-analisi ”. Lo studio, di cui ne sono stati autori i dottori Daniele Santi, Giorgia Spaggiari, Giovanni Corona ed il prof. Vincenzo Rochira, ha ricevuto un grant di 500,00 euro.

Il progetto – spiega il prof. Vincenzo Rochira di Unimore - è volto a valutare le evidenze della letteratura scientifica disponibili sull’efficacia e sicurezza del trattamento con testosterone in questa casistica di pazienti che, viste le numerose comorbidità, rimane ancora di difficile gestione. L’Endocrinologia di Modena collabora da anni con le Malattie Infettive e con il prof. Giovanni Guaraldi per la gestione delle patologie endocrine nei pazienti con infezione da HIV”.

Il lavoro è stato presentato durante il congresso dal dott. Daniele Santi, medico specialista in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo ed attualmente ricercatore universitario presso l’Unità di Endocrinologia.

Questo premio è un nuovo importantissimo riconoscimento alla Scuola endocrinologica modenese, che si caratterizza per una tenace e convinta coniugazione di ricerca clinica e traslazionale con le attività cliniche e didattiche, sostenute da un’attenzione speciale che la scuola rivolge ai giovani. Oltre al poster premiato, sono stati selezionati ed accettati come comunicazione orali altri 4 lavori dello stesso gruppo di ricerca. Le comunicazioni orali presentate dalle dottoresse Giulia BriganteMaria Laura Monzani, Sara De Vincentis eGiorgia Spaggiari hanno illustrato i risultati delle ricerche dell’Endocrinologia modenese nell’ambito della genetica dei tumori tiroidei, dellepatologie ipofisarie e dell’andrologia.

L’Unità Operativa Complessa (UOC) di Endocrinologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena, diretta dalla prof.ssaManuela Simoni, si occupa della diagnosi e cura di tutte le malattie del sistema endocrino. Grazie alla sinergia tra i medici ospedalieri e universitari ed i ricercatori di base del Laboratorio di Ricerca EndoLab, l’Endocrinologia di Modena si caratterizza da sempre a livello nazionale per la qualità e l’innovazione della ricerca e della cura.

 

Vincenzo Rochira

Vincenzo Rochira è residente a Modena, è Professore Associato di Endocrinologia e Direttore della Scuola di Specializzazione di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo presso l’Università di Modena e Reggio Emilia. Attualmente è direttore pro tempore dell’Unità Complessa di Endocrinologia dell’Azienda Policlinico di Modena. Inoltre, è membro di numerose società scientifiche internazionali (The Endocrine Society, European Society of Endocrinology, European Academy of Andrology) e nazionali (Società Italiana di Endocrinologia, Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità). L’attività di ricerca (autore di 90 pubblicazioni su riviste internazionali indicizzate) è rivolta alle patologie ipofisarie, l’osteoporosi maschile, il ruolo degli estrogeni nel maschio, l’ipogonadismo maschile, le patologie tiroidee e paratiroidee e le patologie endocrine in pazienti con infezioni da HIV.

Daniele Santi

Daniele Santi, residente a Modena e nato nel 1983 a Vignola (MO), si è laureato con il massimo dei voti (110/110 e lode) in Medicina e Chirurgia nel 2008, presso l’Università di Modena e Reggio Emilia. Nel 2014 si è specializzato in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo presso la Scuola di Specializzazione dell'Università di Modena e Reggio Emilia col massimo dei voti (110/110 e lode). Nel 2017 ha ottenuto il titolo di dottore di ricerca nella scuola internazionale di dottorato “Clinical and Experimental Medicine” dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Attualmente svolge la propria attività clinica e di ricerca in qualità di ricercatore presso l’Unità di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze e Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena, Ospedale Sant’Agostino Estense, Baggiovara – Modena. Ad oggi è co-autore di 46 lavori scientifici pubblicati su riviste internazionali.

Giorgia Spaggiari

Giorgia Spaggiari, residente a Reggio Emilia e nata a Montecchio Emilia (RE) nel 1987, ha ottenuto la laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2011 col massimo dei voti (110/110). Nel 2017 si è specializzata in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo presso la Scuola di Specializzazione dell'Università di Modena e Reggio Emilia col massimo dei voti (110/110 e lode). Attualmente svolge la propria attività clinica e di ricerca presso l’Unità di Endocrinologia, Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze e Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena, Ospedale Sant’Agostino Estense, Baggiovara – Modena. Ad oggi è co-autrice di 8 lavori scientifici pubblicati su riviste internazionali.

Categorie: newsletter

Articolo pubblicato da: Ufficio Stampa Unimore - ufficiostampa@unimore.it