Ti trovi qui: Home » Notizie

E' online il nuovo sito 'Unimore Sostenibile', raggiungibile direttamente dal bottone in homepage

Unimore ha aderito alla Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile (RUS) ed è inserita nel ranking internazionale Greenmetric. Oltre a seguire le attività della rete, l’Ateneo vede la partecipazione attiva del proprio personale nei cinque gruppi di lavoro della RUS: Energia, Cambiamenti Climatici, Mobilità, Rifiuti ed Educazione alla Sostenibilità.

In questo contesto per promuovere Unimore come Ateneo Sostenibile è stato creato il sito “Unimore Sostenibile” , già visualizzabile all'indirizzo www.unimoresostenibile.unimore.it e raggiungibile anche attraverso il bottone che si trova sul lato destro della home page del sito unimore.it.

Si richiede la collaborazione collettiva attraverso la segnalazione di tutte le attività “sostenibili” in ambito didattico/ricerca/amministrativo o di gestione generale, che vengono programmate:

- Didattica: laboratori, visite guidate, lavoro a gruppi, applicazione dei principi della sostenibilità, proposte di Tesi sui temi della Sostenibilità (in questo caso indicare il dipartimento, il tipo di tesi (triennale o magistrale), a quali studenti si rivolge, l’argomento, il referente ed i contatti).

- Ricerca: Progetti di Ricerca o Attività legate ai temi della Sostenibilità, collegati ad esempio ad uno o più tavoli di lavoro della RUS

- Amministrazione: Iniziative per la Sostenibilità nell’Amministrazione e Gestione dell’Ateneo

Per ogni attività è richiesta una brevissima descrizione con gli essenziali riferimenti per consentire ai potenziali interessati di mettersi in contatto con il personale o i gruppi coinvolti. Per quanto riguarda gli eventi legati alla Sostenibilità si chiede, se possibile, che vengano segnalati con adeguato anticipo, così da poterli inserire sul sito e pubblicizzarli.

I contenuti vanno inviati per email a Francesca Despini (francesca.despini@unimore.it) o alla delegata del Rettore per la Sostenibilità di Ateneo prof.ssa Grazia Ghermandi (grazia.ghermandi@unimore.it).

Articolo pubblicato da: Ufficio Stampa Unimore - ufficiostampa@unimore.it