Ti trovi qui: Home » Notizie

Costituito il "Comitato Reggio Città Universitaria"

Con la costituzione del “Comitato Reggio Città Universitaria” parte l’operazione che porterà alla ristrutturazione dell’ex Seminario vescovile, destinato entro breve ad essere recuperato ad attività universitarie, affermando il ruolo sempre più significativo che Unimore ha nella “città del Tricolore”.

Il Comitato vede coinvolti la Diocesi, il Comune di Reggio Emilia, Confcooperative, Camera di Commercio, Provincia, Fondazione Manodori ed il mondo imprenditoriale reggiano con la presenza di Unindustria, Iren SpA e di tante note imprese reggiane.

Al centro delle finalità del Comitato il recupero di questo complesso destinato a diventare il terzo polo di una presenza di Unimore che a venti anni dall’approdo a Reggio Emilia si è sviluppata fino a superare gli ottomila iscritti.

Già fissato un primo traguardo. Il primo lotto - è stato detto dai promotori - verrà consegnato il 24 novembre 2019, in occasione della Festa del Patrono di Reggio Emilia, San Prospero.

La presenza dell’Ateneo nell’ex Seminario sottolinea ancora di più il forte legame dell’intera città alla sua Università, che potrà così rafforzare non solo l’offerta formativa umanistica, meccanica e meccatronica, ma anche potenziare le Digital Science, fortemente volute dalle nuove esigenze del mondo industriale, che porterà nel nuovo anno alla sottoscrizione da parte di Unindustria Reggio Emilia di una lettera di intenti “che preveda di incardinare nella nostra città – ha affermato il Presidente Fabio Storchi – l’offerta formativa in Digital Science declinata in coerenza con le nuove esigenze delle imprese” .

Il Magnifico Rettore prof. Angelo O. Andrisano da parte sua ha riconosciuto che il progetto reggiano è “degno di una città universitaria tutto tondo, e servirà per la formazione continua, per l’e-learning, le scienze umane e le discipline scientifiche di altri percorsi di laurea, anticipando che la sigla di un importante accordo con Microsoft che potrebbe schiudere nuovi importanti orizzonti”.

Categorie: newsletter

Articolo pubblicato da: Ufficio Stampa Unimore - ufficiostampa@unimore.it