Ti trovi qui: Home » Notizie

La lezione di Elisabetta Gualmini sul welfare della Regione Emilia Romagna il 13 marzo a Modena

L’Emilia Romagna e le politiche di welfare sono il tema affrontato nel nuovo incontro che il CRISE Centro di Ricerche e Indagini Socio-Economiche di Unimore propone all’interno del tradizionale ciclo di seminari di Economia, Politica e Diritto.

L’appuntamento, “ Welfare sostenibile e innovativo. L’esperienza dell’Emilia Romagna ” atteso per martedì 13 marzo 2018 alle ore 17.30 presso l’Aula Convegni del Complesso universitario San Geminiano (via San Geminiano, 3) a Modena, vedrà l’intervento della prof.ssa Elisabetta Gualmini, vice presidente della Regione Emilia Romagna, assessore al welfare e ordinario di Scienze Politiche all’Università di Bologna, con una introduzione del prof. Graziano Pini di Unimore.

A partire da un excursus sulle politiche sociali italiane e regionali dagli anni ’70, la prof.ssa Gualmini condurrà i presenti alla lettura delle politiche di welfare della Regione Emilia Romagna, sviluppate in tempi di crisi economica, come risposta alle esigenze più stringenti per i cittadini: dalle misure sulla povertà, alla riforma dei servizi per la fascia scolastica 0-6, passando per le modifiche delle politiche residenziali pubbliche, alle azioni a favore degli adolescenti e delle misure relative alle sfide poste dai flussi migratori.

Gli incontri del ciclo, organizzati grazie alla collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, degli Ordini dei Dottori Commercialisti, degli Avvocati e degli Ingegneri, si caratterizzano come lezioni accademiche con una disamina dei problemi condotte da esperti, che spaziano da una prospettiva economica ad una giuridica, senza tralasciare l’aspetto politico di ogni tema.

L’iniziativa è aperta al pubblico e riconosce crediti formativi agli studenti universitari, agli avvocati, ai dottori commercialisti ed agli ingegneri.

Per maggiori informazioni www.unimore.it oppure scrivere una mail a graziano.pini@unimore.it

Articolo pubblicato da: Ufficio Stampa Unimore - ufficiostampa@unimore.it