Ti trovi qui: Home » Avvisi

Digital humanities: il 12 giugno una conferenza di Jeffrey Schnapp

Mercoledì 12 giugno alle ore 18.00 nella Chiesa di San Carlo (in via San Carlo 7 a Modena) si terrà una conferenza di Jeffrey T. Schnapp sul tema digital humanities. L’incontro, promosso da AGO Modena Fabbriche Culturali, è ad ingresso libero.

Docente di lingue e letterature romanze all’Università di Harvard, dove ha fondato il celebre laboratorio di ricerca metaLAB, Schnapp è stato un pioniere in vari campi di ricerca transdisciplinare, tra cui il campo emergente della cosiddetta umanistica digitale. Le sue ricerche ricoprono un terreno ampio, dall’antichità classica fino alla contemporaneità, e comprendono la storia della letteratura, l’architettura, il design e la storia della scienza e della tecnica. Dal 2017 Schnapp fa parte dell’Advisory Board di AGO Modena Fabbriche Culturali, il Polo culturale condiviso da Gallerie Estensi, UNIMORE, Comune di Modena e Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.  

Le digital humanities, ovvero l’interazione tra competenze tecnico-scientifiche e storico-umanistiche, sono il cuore di AGO Modena Fabbriche Culturali, che sta già realizzando un importante progetto di riproduzione, catalogazione e archiviazione digitale e messa in rete di una parte importante delle collezioni storiche della Biblioteca Estense, sotto la direzione scientifica di Martina Bagnoli, in collaborazione con il neonato Centro Interdipartimentale di ricerca sulle Digital Humanities dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Jeffrey Schnapp spiegherà al pubblico l’importanza di questa disciplina ancora poco conosciuta in Italia e mostrerà come Modena può essere all'avanguardia in Italia e in Europa in questo ambito, entrando a far parte di un’importante rete internazionale per la valorizzazione del patrimonio storico, tutelando e valorizzando i beni culturali attraverso l’innovazione tecnologica.

Info: AGO Modena Fabbriche Culturali reception@agomodena.it t. 059 6138098

Categorie: avvisi, newsletter

Articolo pubblicato da: Ufficio Stampa Unimore - ufficiostampa@unimore.it